LE VIRTU’ DELL’OLIO EXTRAVERGINE ed in particolare quello di oliva “CORATINA”

“fruttato, amaro, piccante. Stuzzica il palato, buono per la salute”

L’oro di Andria è un olio extravergine ricavato esclusivamente dalle olive della varietà “Coratina”, coltivate  alle pendici di Castel del Monte, dal  fruttato intenso con note di erba o di foglia e dalla caratteristica sensazione di  piccante che si percepisce alla gola, sinonimo di genuinità e autenticità dell’olio, dovuto all’elevata presenza di “polifenoli” ed  una bassissima acidità rispetto alla media, che contribuiscono a migliorare la resistenza all’ossidazione rendendolo il più longevo tra gli oli extravergine di oliva in commercio.   Caratteristiche determinate anche dalla modalità della raccolta delle olive sane in leggero anticipo rispetto al nomale periodo di maturazione e frante nel giro massimo di 36 ore a freddo che  consente di conferire all’olio  quelle proprietà salutistiche e sensoriali dal particolare fruttato, amaro e piccante, veri elementi di esclusività e di garanzia sotto il profilo della provenienza e della tipicità.  Sul  ruolo svolto dai polifenoli, di cui l’olio extravergine di coratina è particolarmente ricco (se di qualità contiene minimo 350 ppm/lt.), recentemente l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA)  ha espresso parere positivo circa il riconoscimento e, quindi, la corrispondente comunicazione al consumatore delle proprietà salutistiche. Un riconoscimento importante che si aggiunge ad altre proprietà riconosciute come quella di garantire un’elevata attività antiossidante che impedisce l’ossidazione dei trigliceridi, assicurando la stabilità dell’olio durante la conservazione e con essa le proprietà organolettiche, nutrizionali e salutistiche. Il suo caratteristico colore tendente al verde con riflessi d’oro, il suo particolare profumo di erba fresca e di foglia ed un gusto che presenta note di amarognolo e piccante con sentori di carciofo,  rappresentano quelle credenzialità utili per conquistare non solo la fiducia di un consumatore dotato di capacità critica e di valutazione organolettica ma anche per stabilire un rapporto duraturo con un olio dall’identità inconfondibile  e dalla bassa acidità ( il valore dell’olio extravergine di oliva “Coratina” in purezza,  normalmente non supera lo 0,35%, notevolmente al di sotto del valore massimo consentito normalmente per la commercializzazione dei comuni oli extravergine pari allo 0,8%). Da questo punto di vista l’olio monovarietale di “Coratina”  alla stregua di un  vino prodotto in purezza  come il Nero di troia, il Primitivo di Manduria o il Negramaro, garantisce  caratteristiche chimiche e sensoriali di origine genetica e territoriale (pedo-clima) unica ed irripetibile. Dunque, la produzione e la commercializzazione dell’olio extravergine di “Coratina” in purezza o monocultivar tende a garantire quei consumatori sensibili ed attenti che sono alla ricerca di particolari sensazioni diverse dal comune derivanti da una specifica provenienza dell’olio per varietà e territorio. Un’attenzione prestata al fine di superare quelle generiche di un comune olio extravergine in modo da soddisfare il piacere di esplorare nuove e diverse opportunità di abbinamento con la carne, il pesce, i legumi, le verdure e non per ultimo quello con la burrata di Andria.

Dunque l’olio extravergine di “Coratina” prodotto in Andria dal Consorzio olivicolo “Oro di Andria”, soprattutto se consumato crudo, oltre ad abbinarsi con diversi cibi, svolge un’azione salutistica che rafforza il binomio imprescindibile  di “cibo e salute”.  Un binomio legato ad uno stile di vita riconducibile  alla famosa dieta mediterranea alla base della quale c’è l’olio extravergine di oliva.

L’olio di oliva sin dall’antichità ha avuto una grande considerazione nel campo dell’alimentazione  che oggi viene riscoperto e rilanciato come elemento portante della dieta mediterranea alla quale recentemente l’Unesco ha attribuito il riconoscimento culturale di bene immateriale dell’umanità. Lo stesso Ippocrate, medico greco del 400 a.C., scrisse: “lascia che il cibo sia la tua medicina e la tua medicina sia il tuo cibo”.  Puntare sull’olio extravergine soprattutto se in purezza come quello ricavato dalle olive di  Coratina prodotto dal Consorzio “Oro di Andria”, significa puntare su particolari virtù derivanti dalla semplice spremitura a freddo delle olive che garantisce anche a distanza di 18 mesi, l’integrità dei suoi componenti nutrizionali e salutistici. L’olio extravergine di Coratina, prodotto dal Consorzio olivicolo “Oro di Andria” è un olio particolarmente ricco di antiossidanti (vit. E, acido oleico, idrossitirosolo, oleoperina) che lo rendono prezioso alleato della salute.

Già Galeno, medico greco vissuto nel II secolo dopo Cristo, considerato il “padre” della medicina,  assegnava all’olio d’oliva delle virtù terapeutiche nel combattere i “mali del ventre”, mentre Dioscoride lo considerava particolarmente adatto nella composizione degli unguenti. La scienza moderna riconosce all’olio d’oliva pregi e virtù indiscussi, anche se più come alimento-medicamento che come componente di medicinali.

Diverse ricerche scientifiche condotte sull’olio extravergine di oliva negli ultimi anni hanno riscontrato dal punto di vista medico risultati positivi  nella chemioterapia per combattere il cancro del seno, fino a favorire una maggiore longevità della popolazione, a rafforzare l’apparato cardiovascolare e l’attività epatica delle gestanti; oltre ad agire sulla membrana cellulare del feto, rafforzando i fosfolipidi che contribuiscono ad addizionare al corredo genetico un surplus di intelligenza stimato attorno al 30% in più rispetto ai bambini normali. Dati desunti rispettivamente da una ricerca universitaria svolta a Chicago della Northwestern University Feinberg School of Medicine e dall’Università di Bari. Altre ricerche come quelle condotte dal Chemical Senses Center di Philadelphia hanno dimostrato che il piccante dell’olio come quello prodotto dalle olive di Coratina, è determinato da un componente  denominato oleocantale, il quale agirebbe proprio come i comuni antinfiammatori non steoroidei, inibendo la ciclossigenasi (COX), un enzima che svolge un ruolo cardine nei meccanismi infiammatori. Altre ricerche come quella condotta dai ricercatori della Società Italiana di diabetologia e dell’Università Federico II di Napoli, presentata durante il Congresso dell’European Association For The Study Of Diabetes (Easd) a Berlino (Germania),  hanno dimostrato che l’olio extravergine d’oliva protegge dal diabete di tipo 2 (quello che caratterizza in particolare gli adulti e legato all’alimentazione) grazie agli acidi grassi monoinsaturi di cui l’olio extravergine come quello di Coratina è particolarmente ricco, tanto da consentire la riduzione di un terzo l’accumulo di grasso nel fegato.

Un’altra ricerca pubblicata dalla rivista Neurology afferma che l’uso regolare di olio extravergine riduce del 41% la probabilità di ictus. Un dato particolarmente significativo perché la ricerca ha tenuto conto dell’attività fisica, dell’indice di massa corporea e della dieta. A parità di queste variabili il rischio è risultato nettamente inferiore in chi consuma normalmente olio extravergine, meglio se di cultivar ben definite. In definitiva un regolare consumo di olio extravergine di oliva, soprattutto se specificata la qualità e l’origine varietale:

–         protegge dalle malattie cardiovascolari grazie   alla capacità dell’idrossitirosolo, contenuto nei secoiridoidi,  il quale favorisce una maggiore produzione di nitrossido (potente vasodilatatore) prevenendo l’ossidazione delle lipoproteine LDL che se ossidate rappresentano le principali responsabili della formazione della placca aterosclerotica con conseguente restringimento delle arterie e insorgenza di malattie cardiache;

–         svolge un’azione benefica nello sviluppo del sistema nervoso grazie alla sua composizione lipidica che lo rende simile a quella del latte materno, rendendolo un alimento essenziale nella dieta del bambino. In età adulta, invece, ci preserva dalle malattie legate al rallentamento e al deterioramento delle funzioni cerebrali, come Parkinson e Alzheimer. Tutto questo grazie soprattutto all’azione antiossidante dell’acido oleico, dei polifenoli e del tocoferolo (vitamina E). tali malattie vengono determinate da un eccesso di radicali liberi che, legandosi con componenti essenziali della cellula nervosa, ne alterano la struttura e ne favoriscono la degenerazione. Un recente studio condotto dall’università di Chicago ha scoperto come l’oleocantale, sostanza responsabile del sapore pungente o piccante del nostro olio oltre ad essere considerato un antinfiammatorio naturale, interferisce con l’azione di proteine neurotossiche causa del morbo di Alzheimer;

–         è il più digeribile e il più sano tra i grassi ed ha un effetto benefico su tutto il sistema gastrointestinale, proteggendone le mucose. L’acido oleico, infatti, riduce la produzione di acido cloridrico e quindi previene gastriti e ulcere. Accelera inoltre il transito nel tratto intestinale, favorendone la regolarità. Inoltre favorisce l’attivazione del flusso biliare e lo svuotamento della cistifellea, ostacolando l’insorgenza di calcolosi biliare;

–         rappresenta un elemento cardine della dieta del paziente affetto da diabete mellito, in quanto riduce i livelli di zuccheri nel sangue e la resistenza all’insulina tipica di questa condizione;

–         ha un effetto benefico sul nostro apparato osteoarticolare in quanto facilita l’assorbimento della vitamina D e combatte l’osteoporosi; inoltre, grazie alla potente azione antinfiammatoria ed antiossidante svolta dall’oleocantale, l’olio d’oliva è un efficace alleato terapeutico nell’artrosi;

–         protegge da diverse patologie infiammatorie cutanee, quali la psoriasi, l’acne, la dermatite atopica ed altri tipi di eczema. La ricerca scientifica ha dimostrato inoltre come lo squalene in particolare – presente nell’olio d’oliva – possieda proprietà antiossidanti nei confronti delle radiazioni solari, diminuendo la produzione di radicali liberi a livello della pelle foto esposta;

–         è indicato nella gravidanza, grazie al suo rapporto ottimale tra acidi grassi polinsaturi, saturi e monoinsaturi (acido linoleico,linolenico e oleico) e alla capacità di assicurare un buon rapporto di vitamine liposolubili (A, D, E, K) di stimolare la mineralizzazione delle ossa e di prevenire rischi emorragici del nascituro. Proteggendo la mucosa gastrica, evita le esofagiti da reflusso, particolarmente frequenti nell’ultimo trimestre. Può, inoltre, contribuire a prevenire alterazioni metaboliche abbastanza frequenti quali il diabete gestazionale e la stipsi.

NOTE CARATTERISTICHE CHE DIFFERENZIANO L’OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CORATINA:

all’olfatto primeggia il particolare fruttato intenso di erba o di foglia verde;

al gusto primeggia l’amaro e il piccante con note di carciofo;

alla vista primeggia il colore verde con riflessi dorati quando non è filtrato;